Informazioni sulla Malaria

Perché concentrarsi sulla malaria?

La malaria è una malattia infettiva provocata dal morso dell'animale più mortale del mondo: la zanzara. Una volta entrato nel corpo umano, il parassita si colloca nel fegato dove si moltiplica e si diffonde nel flusso sanguigno, dove inizia a infettare i globuli rossi. Le persone infettate dalla malaria sperimentano forti emicranie, brividi e sintomi simili a quelli influenzali. Se non trattata, la malaria può essere mortale - e colpisce pesantemente il sistema sanitario globale nelle regioni in via di sviluppo.

 

 

Mezzo mondo è a rischio

I parassiti della malaria infettano 200 milioni di persone e ne uccidono 400.000 ogni anno. La malattia è diffusa soprattutto nei paesi tropicali e subtropicali dell'Asia, dell'Africa subsahariana e Sudamerica. Anche in Europa e in Nord America migliaia di casi sono diagnosticati tra viaggiatori che tornano a casa infetti.

 

Il ceppo di malaria più mortale sta sviluppando resistenza ai farmaci più efficaci

La resistenza del ceppo Plasmodium falciparum a un trattamento ampiamente usato, l’artemisinina, è stato rilevato nel Sud-est asiatico. La ragione? L'artemisinina è stata utilizzata nel Sud-Est asiatico per decenni più a lungo che nel resto del mondo, dando al parassita più tempo per adattarsi. L'uso diffuso di farmaci contraffatti, associato a dosaggi impropri del farmaco, ha aumentato la resistenza.

 

I ricercatori dipendono dalla microscopia per monitorare i casi di resistenza ai farmaci

La maggioranza dei casi viene diagnosticata mediante test rapidi diagnostici (RDT) - un dispositivo diagnostico simile a un test di gravidanza. Mentre gli RDT sono rapidi e facili da usare, la microscopia può identificare le specie di malaria e il numero totale di parassiti. Per questo motivo, è fondamentale monitorare l'efficacia di farmaci.

Tuttavia, l'analisi microscopica di uno striscio di sangue richiede un tecnico di laboratorio qualificato per osservare fino a 100 diversi campi visivi e oltre 20 minuti per ottenere una diagnosi.

 

La malaria è una delle malattie più difficili da individuare su un vetrino da microscopio

Ci sono pochissimi microscopisti qualificati sulla malaria al mondo che possono farlo con precisione. A livelli di infezione molto bassi, un microscopista dev’essere capace di trovare un solo parassita in 100.000 globuli rossi, equivalente a trovare una bilia in un campo di calcio, in 20 minuti. Lo sforzo combinato con un gran numero di campioni e la poca dimestichezza con il parassita provoca errori nella diagnosi e limita la capacità dei ricercatori di confrontare i risultati tra le diverse aree geografiche.